martedì, novembre 29, 2005

L'Enciclopedia B

Gentili lettrici, gentili lettori,

sono passati già quattro lunghi anni (quattro!?!?! Aaaaaaahhh!!) da quando il nostro nanetto delle libertà ci ha preso per mano e ha cominciato a cambiare il Belpaese così bene che non mi ricordo più che cazzo sta a significare quel "Bel" davanti. Insomma siamo leggermeeeeeente nella merda. Ma solo leggermente. Stiamo parlando dell'uomo più sorridente che abbia mai preso per il culo un intero popolo.



Stiamo sprofondando e lui ride, però ride sempre di meno. Ciò vuol dire che ha capito che gli toccherà smettere di farsi i favori da solo stando al Palazzo Chigi, e che dovrà di nuovo contare sull'infinita clemenza (termine derivante dal latino: "Clemente") del centro-sinistra per evitare di finire in galera.

Il cartello qui sopra recita "Cazzi vostri" ed è giusto. In buona parte ce la siamo cercata. Dicevano: "Lasciategli fare quello che ha in mente e poi se non vi piace potrete mandarlo via dopo cinque anni." Era come a dire: "Fattevi tagliare l'uccello, tanto se dopo non vi trovate bene senza, ve lo riattacchiamo." No problem!!

Io credo che in politica non si fanno i tentativi, non si decide per simpatia o splendore dei denti dei candidati. Non siamo tifosi ma elettori che devono decidere usando la ragione. Ogni candidato politico deve essere preso e il suo curriculum deve essere scandagliato a fondo finché non si trova qualche magagna. In tal caso lo si spedisce a fanculo.

Ma noi siamo troppo buoni. Quando abbiamo uno che non sia proprio pulito pulito gli diciamo: "Oooh, ma tu per realizzarti nella vita sei stato costretto a corrompere mezza Italia, ad aprire società alle Bahamas per non pagare le tasse, a farti appoggiare dai politici giusti e alla fine hai dovuto anche corrompere qualche finanziere e giudice!! Oh, poverino. Ti sei proprio fatto da solo!!! Come facciamo a dirti di no?"

Bellissimo come incubo!!

Allora, se Dio vuole, l'anno prossimo il nanetto ce lo leviamo dai coglioni (o quasi). Ricordiamoci però che anche stando all'oposizione sarà un pericolo. Ma comunque se dobbiamo scegliere tra i due mali...

Io nel mio piccolo ho pensato di cercare di sottrarre all'oblio quelle che sono state le sue vere armi di controllo di un intero paese: le stronzate. Inauguro una raccolta di Perle presidenziali che lo hanno reso celebre.

Qui avrò bisogno del vostro aiuto. Quattro anni sono lughi per poter ricordare tutte le stronzate che ha avuto il corraggio di dire e di fare. Perciò vi prego di darmi una mano a costruire questa bella enciclopedia, affinché rimanga una traccia delle sue migliori opere d'arte.

Quello che mi invierete cliccando su "commenti" qui sotto o al indirizzo tixgo@yahoo.it (potrete farlo ogni volta che vi viene in mente qualcosa, tanto lui ci stupisce sempre) sarà pubblicato su questo blog.

Comincio io con alcune perle:

"La gente sa che non potrò essere comprato e che non penserò a garantirmi proprio perché sono già abbastanza ricco." 20/02/2001


"Ci sono tantissime cose che il governo sta realizzando e che i cittadini non sanno." 27/03/2002


"Non capisco la ragione di tanta urgenza in Parlamento per l'approvazione del legittimo sospetto." (Ansa) 31 luglio 2002

"Quando mi arrivò la tessera della P2 rimasi offeso perchè sopra c'era scritto "apprendista muratore" : ma come, io ero un costruttore affermato!" 19/01/96

"Lo scandalo doping è un'invenzione della sinistra." (Sport Day) 12/01/2001

"Quando tornerò a Palazzo Chigi, vi prometto che mi abbronzerò di meno, ma voi lo sapete che in una giornata io lavoro 27 ore." 18/04/96


"Sono un uomo di fronte al quale nessuno, sulla scena europea e mondiale, visto che ho anche coordinato un G7-G8, può pretendere di confrontarsi per storia personale e capacità… non c'è personalità politica che possa confrontarsi con me. Sarò tacciato di ambizione, mi spiace anche essere io a dire queste cose, ma nessuno dei protagonisti della politica ha la stessa storia." 07/03/2001

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home