domenica, novembre 06, 2005

La tassa sugli SMS!!!

Ormai alle stronzate non c'è più limite. Dai giornali apprendiamo in questi giorni che il Governo del centrodestra, che ci sta già stringendo la cinta, vuole tassare anche gli SMS. L'ideona della settimana è del Sottosegretario dell'Economia e delle Finanze Gianluigi Magri dell'UDC. Chiaramente appoggiato dal suo partito.

L'on. Magri

L'idea comunque è già stata bocciata da gran parte del mondo politico, anche perchè i giovani (che in buona parte votano anche loro) sono i maggiori consumatori di questo servizio innovativo. Ma bisogna anche considerare che, secono alcuni calcoli, i 2 centesimi di tassa prevista su ogni messaggio porterebbero nelle casse dello Stato circa 500 milioni di €. Secondo gli stessi calcoli, riportati da repubblica.it, solo il prossimo Capodanno lo Stato incasserebbe 2 milioni di €, visto il numero di SMS inviati quella notte. E' chiaro che una cifra del genere fa gola a chi (1) non sa da dove tirar fuori i soldi e (2) vuole costruire ponti e strade e insieme abbassare le tasse.

Anche l'ex-Ministro delle Telecomunicazioni Maurizio Gasparri (AN) si è reso conto che questa proposta sia un tantino impopolare, proponendo di imporre invece una tassa di 2 centesimi su ogni parola pronunciata da un politico!! Ha ha ha, che simpatico. Purtroppo non ha specificato se saranno i politici a doverla pagare.

Segnalo invece una buona proposta arrivata dai giovani di AN e dei DS, che chiedono piuttosto di abbassare gli stipendi dei politici. Evvai. Mi chiedo se avranno anche il corraggio di dirlo in faccia ai loro colleghi più anziani...

Infine sottolineerei che il costo effettivo dei messaggini per le compagnie di telefoni sia di circa 1 centesimo/SMS. Noi, come sapete, paghiamo 15 centesimi/SMS, indifferente dalla compagnia telefonica. La concorrenza in questo paese è ovviamente un optional.

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home