giovedì, novembre 17, 2005

Bird flu, panic attack

Bird flu and profits (link)

If you were asking yourself how can a single dead bird obtain a huge media coverage with unclear reasons, now you finally got an answer. During the last weeks I heard a lot of people commenting the whole bird flu thing and sometimes I really felt astonished. One of the funniest comment was: "I saw a dead duck at the lake and a friend of mine said that maybe is because of the ... you know ... bird infection. Maybe I am a paranoid, but I am really afraid of getting this new disease." From that time I sincerely believe that death could not take ducks, otherwise the long life of some cartoon characters such as Donald Duck or Uncle Scrooge is not explainable, so if a single duck around the globe dies, it means that we are approaching a huge crisis. However, I hope that mr. Duck is not going to be affected by this disease, because I don't want to say to my little cousin that his favorite character will not be acting any more, due to health reasons.



This is another demonstration of how media (or who stays behind them) are pumping some news to create fear among the audience in order to get something back... ...and that is what I call total outrageous behavior

For italian readers:
I sanissimi polli italiani (link)

Ma come? I nostri polli non sono trattati con cure amorevoli dai nostri allevatori? In fin dei conti ovunque mi giri sento che sono allevati biologicamente (cosa diavolo vorrà dire poi), non soffrono di stress, consumano mangime appropriato alle loro esigenze e vivono sani. Sarcasmo a parte trovo vergognoso il trattamento con il quale si stanno rivolgendo a noi per promuovere il pollo made in Italy. Ritengo opportuno proteggere il prodotto nazionale, tuttavia trovo oltraggioso che ci diano un'immagine del tutto fasulla sulla reale situazione dell'industria del pollame. Il tentativo è quello di far credere alla massa che i nostri polli sono allevati nella stessa maniera che usavano i nostri antenati, dando l'idea che essi siano immacolati se paragonati a quelli di altri paesi (specialmente da quelli provenienti dall'Asia, dalla Cina in particolar modo).
Poniamoci una domanda: se i nostri polli fossero allevati in maniera medievale, quante probabilità avrebbero i nostri produttori di essere competitivi con gli altri paesi, di soddisfare le esigenze concernenti la quantità dei consumatori e di mantenere un prezzo relativamente basso. Ritengo siate capaci di trovare da soli una risposta plausibile.

Total outrageous behavior

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home